CONSERVAZIONE CORDONE OMBELICALE: COSA C’È DA SAPERE

A cura dell’ufficio stampa Sorgente Genetica

Conservazione del cordone ombelicale: una tematica che genera tante domande e dubbi da parte dei futuri genitori. Come funziona? Come si determina la compatibilità delle cellule staminali con gli altri componenti della famiglia? Quali sono le figure addette per la conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale? Ecco una piccola guida con tutte le risposte a questi e a tanti altri quesiti.

È possibile la conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale in caso di parto in casa?

Assolutamente sì. Bisogna avere solo l’accortezza di fornire all’ostetrica che seguirà il parto il kit di prelievo consegnato ai genitori dalla biobanca, oltre a tutta la documentazione riguardo la procedura da seguire per il prelievo.

In quale modo viene determinata la compatibilità delle cellule staminali con altri componenti della famiglia, ad esempio con un fratello?

È bene tenere presente che l’istocompatibilità è ereditaria per cui le probabilità che il campione sia compatibile diminuiscono in base al grado di parentela tra donatore e ricevente. Mentre per i genitori del bambino c’è una probabilità di compatibilità che arriva fino al 50%, per i fratelli questa compatibilità scende fino al 25%.

Sono gli esami di tipizzazione HLA (Human Luekocyte Antigen) che determinano la compatibilità tra ricevente e donatore. Al momento della crioconservazione può essere eseguita una prima tipizzazione di base, prelevando una piccola parte del sangue del cordone. Oppure lo si può fare in un secondo momento attraverso un prelievo del sangue. Se la prima tipizzazione di base conferma la compatibilità, si esegue un’analisi del DNA e infine una MLC (Mixed Linfocyte Culture), che indica in maniera definitiva il grado di compatibilità.

Quali sono le figure specialistiche che si occupano del prelievo del sangue da cordone ombelicale in seguito alla nascita del bambino?

Medici ginecologi, ostetriche e infermieri sono le figure abilitate a questo compito.

Quali sono i vantaggi e le possibili problematiche riguardo la conservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale?

Scegliere di effettuare la conservazione privata del cordone ombelicale comporta diversi vantaggi tra cui la disponibilità immediata delle cellule staminali in caso di necessità e la completa compatibilità di queste con il bambino dal cui cordone sono state prelevate. Quali sono invece i problemi riscontrabili? Può capitare ad esempio che il numero di cellule staminali raccolte sia insufficiente per la buona riuscita del trapianto. È possibile ovviare a questo problema grazie ai progressi della ricerca scientifica: è infatti possibile aumentare in vitro il numero di cellule disponibili.

Cosa succede se si aspettano due gemelli?

Nel caso di gemelli omozigoti basta effettuare un unico prelievo in quanto le cellule staminali sono compatibili con entrambi i gemelli al 100%. Nel caso di gemelli eterozigoti invece verrà svolto un doppio prelievo e una doppia conservazione.

Ulteriori informazioni sono disponibili su www.sorgente.com

CORSI PRE-PARTO & CORSI POST-PARTO